1 marzo 2007

Donne 1/a Parte

Se vivi a Kandahar e sei una donna, oggi giovedi' 1 Marzo 2007 come da 11 anni a questa parte da quando comandano i Talebani...:
Non puoi lavorare fuori casa,neanche se sei un'insegnante,un ingegnere o una libera professionista..
Non puoi parlare con un negoziante maschio.(negozianti femmine non esistono!!!)
Non puoi studiare dalle medie in su'.
Non puoi farti curare da un medico maschio e le dottoresse sono praticamente inesistenti.
Non puoi uscire di casa..,se non sei accompagnata da un parente maschio. (marito,fratello,o figlio che sia)
Non puoi usare cosmetici...RICORDATI DI QUELLE CHE SI ERANO DIPINTO LE UNGHIE..LE HANNO TAGLIATO LE DITA!!
...SARAI FRUSTATA E PICCHIATA SE NON PORTI IL BURCA LUNGO FINO ALLE PUNTA DEI PIEDI!!!
(e che non sia di colori sgargianti altrimenti sarebbe una provocazione troppo sensuale)
Sarai frustata se ti vedono una caviglia scoperta.
Sarai lapidata se hai rapporti sessuali fuori dal matrimonio..
Non puoi parlare o stringere la mano ad un uomo che non sia della tua famiglia.
Nonpuoi ridere a voce alta.(nessuno puo' sentire la tua voce)
Non puoi portare scarpe con i tacchi.(nessuno deve sentire iI RUMORE DEI tuoi passi)

Se sei una donna afgana sotto il regime talebano devi dipingere i vetri delle finistre di casa tua! (nessuno deve poterti vedere dall'esterno)
Non puoi affacciarti sul balcone di casa tua,non puoi andare in taxi se non con l'accompagnatore.
Ma in bicicletta e in moto ...neanche accompagnata.
Non ti si puo' vedere per tv ne sui giornali,non ti si puo' fotografare ne' riprendere.
Non si possono appendere le tue foto ne' in strada,ne' fra le mura domestiche.
Non ti puoi radunare con le altre donne neanche in occasioni festive.
Il sarto non puo' ne' prenderti le misure,ne' cucirti i vestiti.
Non puoi portare pantaloni larghi..nemmeno sotto il burca.
Devi viaggiare solo su autobus per sole donne.
Sorellina..a kabul sono tornati a volare gli aquiloni,ma se vivi a Kandahar,non li hai visti e non puoi sapere nulla!! Perche' nella tua citta' internet e' proibito!
Le tue sorelle italiane che mi stanno leggendo invece con le caviglie scoperte e i capelli sciolti scopriranno che:
Se sei una ragazza italiana non puoi vestirti come ti pare ma essere sempre di tendenza!!
Non puoi andare a letto con ti pare perche' se intendi sposarti,il tuo uomo non accetterebbe mai una moglie con il tuo passato sessuale..
Se sei una ragazza italiana e non sai cucinare stirare accudire i figli e alzare uno stipendio di almeno 1000 euro al mese,sei una palla al piede per chiunque e prima o poi ti sara' rinfacciato.
Non puoi passeggiare da sola di notte o sarai degradata a prostituta e chi unque si sentira in diritto di chiederti quanto vuoi!!???!!!
Cosi' come non potrai accetare inviti a cena da datori di lavoro sconosciuti senza essere tacciata da gattamorta se dopo non ci andrai a letto,..e in entrambi i casi non otterrai il posto!!!
Se sei afgana di kabul o Kandahar..o sei italiana gli uomini hanno gia' deciso per te!!!
Ma se sei italiana...molto ma molto meno....
La tua liberta' e' sempre in discussione...sorellina..!!

54 commenti:

lucia ha detto...

Che tristezza e quanta verità in queste parole! Non ho nient'altro da aggiungere.. Solo un pò di rancore per questo mondo che a volte ha delle regole che mi vanno strette.. Possibile che io non possa andare in giro la sera senza che qualcuno mi dia della poco di buono e senza il rischio che qualcuno mi stupri? Mah..
Ti auguro un buon pomeriggio
Lucia

#Capitano ha detto...

Certo, per noi "occidentali" leggere regole del genere sembra un'assurdità... però, per quanto io non le condivida -ho un grande rispetto della donna... anche se alcune... vabbè lasciamo perdere!!- non mi sento di criticarle.
Viviamo due mondi totalmente diversi... diverso non significa migliore o peggiore, significa diverso, punto. Senza dubbio le donne in medio Oriente dovrebbero avere più diritti, ma anche qui da noi i diritti sono qualcosa che è maturato poco a poco: i cicli e le rivoluzioni non possono essere fermati, hanno i loro tempi... se è Destino le cose cambieranno -spero in meglio- anche lì da loro.

Grazie per la visita... che non è stata affatto un'intrusione!!

BUENA VIDA Y SUERTE

Signor Ponza ha detto...

Lo considererò come un anticipo di otto marzo. Leggendo non sapevo se ridere o piangere.

Anonimo ha detto...

E' una realtà inaccettabile la loro..
In questi casi rimango senza parole..
anche perchè ogni parola sarebbe forse banale.

Ti stringo.
Lucia*

viola ha detto...

discorso estremamente complicato

Captain's Charisma ha detto...

Che ti aspetti, da una società dove se una donna gira in minigonna è normale che venga stuprata ??? Facciamo pena ed il bello è che noi saremmo la società civile...

Gala ha detto...

Le tue parole sono estremamente vere.
Loro vivono in un mondo in cui il rispetto verso loro è considerato uno sbaglio. Noi viviamo in una società che si dice civile, ma non sa portare del "vero" ripsetto e si accontenta delle apparenze.
Triste...

Alberto ha detto...

mamma mia che vite di merda...

susanna ha detto...

Sono molto d'accordo sul molto ma molto meno alla fine...
Perchè è vero che anche qui non siamo messe tanto bene, però io posso stare in giro fino alle 4 con gli amici e se sono fortunata torno a casa felice. Loro non ne hanno nemmeno la possibilità...
Sono cose tristi, mi chiedo a cosa serva un computer un cellulare quando poi siamo ancora cosi retrogradi. Indietro indietrissimo. Siamo perchè loro sono noi. Siamo il mondo. E loro ne fanno parte. La libertà è il dono più bello per una persona. In assoluto. Non sapevo questa cosa del primo marzo, ma non fa altro che confermare le mie idee.E' uno schifo.
Mi piace sempre di più il tuo spazio e gli argomenti che tratti.Ti distingui dalla massa e non è male.

Buon fine settimana
un abbraccio

__Lola* ha detto...

Ho letto il tuo intervento!!!
Dato che l'argomento è tosto passerò più tardi per rispondere a riguardo!
Intanto ti ringrazio per la visita sul mio space :)

...Purtroppo l'ho odiata quella donna!

Scappo a lavoro!
Baci

Vendostelle ha detto...

Susanna:grazie del tuo commento...molto incitante!!!
Cerchero' sempre di fare meglio...grazie ancora!!
Capitano:il tuo intervento impreziosisce il mio blog..grazie di essere passato!!!
Lola:ok ti aspetto..
Gala: Purtoppo la penso cosi'..!!
Captain's:no io non lo ritengo normale che una donna venga stuprata..anzi..e' uno dei casi che chiedo la pena capitale!!
Viola: .....capisco..
Lucia: il bello e' che c'e' pure l'indulto se capita.. :-(

Anna ha detto...

argomento scottante. certe cose mi fan venire i nervi in una maniera impressionante. forse perchè tengo alla mia libertà più di ogni altra cosa e penso che il rispetto della persona debba essere sancito da norme universali, al di là della cultura. peccato si tratti di un pensiero utopico...
in italia la situazione arriva a livelli del tipo: hai le unghie nere quindi sei in una setta satanica, metti la minigonna quindi sei una zoccola...la troppa libertà ci si rivolta contro!

John ha detto...

Beh, non saprei, certo le condizioni nelle quali vivono le donne di kandahar sono irrispettose della persona; e certo, quello che è detto sulle donne italiane è vero pure quello. Tuttavia mi sembra ci sia un'eccessiva drammattizzazione del tutto, è vero il "problema" (tra virgolette perchè non saprei come chiamarlo) c'è, ma posso dire che secondo me non è poi così grave...

P.S. oh che sia chiaro, capitemi, non fraintendetemi, non è che sono un maschilista eh...anzi sono il primo a riconoscere che il sesso debole siamo noi...

viola ha detto...

questi problemi esistono solo reali e non lo sono da meno quelli che non elenchi delle donne africane o dei paesi dell'ex unione sovietica o delle bambine in america del sud. tutte vittime di violenze efferate.

e così quelle in italia con tassi di violenze sulle donne compiuti all'interno della famiglia che sono alti, troppo alti per continuare a pensare che il male sia fuori. che il male sia l'uomo nero.

è giusto parlarne.

quello che non capisco è perchè ancora nel duemila tanti uomini continui a credere di poter decidere della vita delle loro donne.

il discorso mi sembra complicato da esprimere in poche righe.

Vendostelle ha detto...

Ragazzi.... vi presento Viola..una grande!!!
Grazie Viola.

viola ha detto...

scemino :P

Kaos ha detto...

Ho letto il post tutto d'un fiatto ed intanto pensavo: pur vivendo in due mondi completamente differenti una cosa ci accomuna, la gabbia! Grezza da loro e dorata da noi! Con la mia educazione posso solo pensare che il loro modo di vivere sia un inferno, probabilmente perchè qui le cose, se non altro, sono differenti anche se temo che molte di loro penserebbero la stessa cosa di noi, almeno le appartenenti alla "vecchia generazione". Ma non è che qui sia molto differente. E' vero, abbiamo una sorta di democrazia, delle leggi, una mentalità più aperta ma le lotte ci sono e continueranno ad esserci. Nono sono sessista e non mi si vedrà mai scendere in piazza ad urlare "L'utero è mio e lo gestisco io!", la mia forma di "razzismo" è più ampia perchè mira ai preconcetti! Da donna la mia libertà si limita nel momento stesso in cui mi ritrovo sola a notte tarda. Quando mi presento ad un colloquio di lavoro (e non mi riferisco solo ad ipotetiche molestie ma, più semplicemente, il fatto che se sei donna rimane il punto che potresti avere, forse, un domani, dei figli, una famiglia ... o che pur facendo le stesse identiche cose di un uomo prendi, inspiegabilmente, di meno!). Quando decido di osare di più indossando una gonna o mettendo un pò di trucco. Apparenze, stereotipi, stili di vita ... qualsiasi siano le cause sta soprattutto a noi far in modo che le cose cambino e non è certo una cosa rapida o di facile gestione no?!

Molto bello qui! E grazie per avermi dato il modo di conoscerti!

Captain's Charisma ha detto...

Non ho mai sposato il motto dell'importante è partecipare ;-) ho sempre visto come molto più divertente vincere...

Anonimo ha detto...

Credevo fossi sparito! :p

Ma io..mi rialzo,si!
Thank you!
Bacio.
Lucia*

Lorenzo ha detto...

Ed alla fine la musica c'è :)

Vie ha detto...

La libertà tanto cara...Nessuno si rende conto dalla fortuna di poter camminare liberi, parlare, ridere...pure essendo donna...
Tante cose si dimenticano con l'egoismo della nostra vita civilizzata...Grazie di averlo ricordato...anche se ben poco si può fare per cambiare questi paesi e le loro abitudini...decisamente...

dorian ha detto...

mille euro al mese...magari -_-

(intromettiti pure quando vuoi :-) a presto)

Vendostelle ha detto...

Jhon...i tuoi commenti sono perle di saggezza!!!
Non sei stato frainteso per il momento!!!

Vie:faccio del mio meglio...

Captain's:dai dai..l'importante non e' vincere una sconfitta ogni tanto ti fa' esultare di piu' in una prossima vittoria... non trovi??

Kaos: Grazie e' un piacere averti qui'!!

Anna:..purtroppo credo proprio sia cosi'!!

Viola:...ciao!

Lorenzo:si' grazie a te ci sono riuscito!!! Grazie ancora!!

Lucia*:..impossible io sparisca..non ho poteri per farlo..;-)

Viola:...ciao!

Anonimo ha detto...

Ma quale erba cattiva!
E' un piacere il tuo ritorno ;)
Bacio.
Buona serata!
Lucia*

missmeletta ha detto...

ciao... il tuo commento da me non è stato per niente un'intrusione... anzi grazie dei complimenti. Anche questo post è molto interessante e concordo con Viola nel reputare un commento uno spazio troppo breve per sviluppare un lungo discorso... comunque sia ieri ho letto un post in cui il succo del discorso era molto simile al tuo... ti linko il bloG:
http://www.angelalamaratoneta.splinder.com/
ciao e buonaserata

lamaratonetaGio ha detto...

Abbiamo scritto un post simile! Un pò di tempo fa ho anche pubblicato qualcosa sulle donne in questione.
Piacere di averti conosciuta e di pensarla alla stessa maniera!
Angela

cadia ha detto...

il senso era....

e un altro inverno e' andato....
e e' passato un altro anno

e io mi perdo se penso
a quanto tempo di te
ho perso...

e nn perche' e' stato buttato
ma solo perche'semplicemente
non c'eri....

LettriceM ha detto...

Ciao Vendostelle, è un po' che non commento ma sono passata a trovarti silenziosamente. La questione della donna è da guardare sotto più punti di vista e su tutto il globo, è una questione annosa e della quale si viene difficilmente a capo sopratutto perché diversa in ogni luogo del mondo a seconda della cultura (o mancanza della stessa) che lo ha attraversato. Credo, cmq, che una parte della "colpa" vada proprio ricercata nella donna stessa e nel suo modo di interfacciarsi con il mondo-uomo. Non credere che io sia maschilista, semplicemente ritengo che se le cose stanno così qualcosa nei secoli è accaduto e questo non può essere stato causato che dal genere umano in generale...
Ti abbraccio

vento di sole ha detto...

che bello il tuo blon... molto particolare... già quante donne vivono senza libertà... pero a volte penso che nei paesi occidentali la colpa sia nostra...dopotutti gli uomini sono figli delle donne, dovremmo imparare a dare loro dei valori verisin da bambini forse sarebbe una società migliore.... mi ha fatto piacere tu sia passato da me sopratutto perche mi hai permesso di conoscerti.....

alicesu ha detto...

la situazione delle donne, in certi paesi, è molto molto critica.
Ma non crediamo di fare gli occidentali emancipati (anzi, le occidentali emancipate). Purtroppo, anche da noi le donne sono sottomesse, ieri come oggi.
Se a qualcuno interessasse l'argomento, consiglio il libro della silvia ballestra "Contro le donne nei secoli dei secoli". Ho recensito il tutto sul sito www.traspi.net (articolo in fondo a sinistra).

Anonimo ha detto...

Certo..altrimenti è la fine. =)
Bacio.
Lucia*

PS:ma..il tuo nome?! :p

perlinavichinga ha detto...

per sdrammatizzare, mi verrebbe sa dire "per fortuna che sono svizzera", anche se, in realtà, le cose non sono poi così diverse... forse siamo più tutelate... ma insomma...
io comunque ho ancora fiducia negli uomini e spero che il tempo sia nostro alleato, per migliorarci tutti... entrambi i sessi... per poter ragionare come esseri umani in senso globale...

no, non sono sparita, non sono malata... sono semplicemente stanca e con poco tempo a disposizione. me ne dispiace molto.

perlinavichinga ha detto...

dimenticavo: mi incuriosisce il tuo tatuaggio... cosa c'è scritto?

Sunaddicted ha detto...

Sono venuta a curiosare sul tuo blog e....sono rimasta shockata!! non le sapevo tutte queste cose riguardo le restrizioni islamiche!!!!assurdità...e d'altra parte hai ragionissima quando dici che dovunque e sempre la libertà è in discussione...sob!

Vendostelle ha detto...

Perlinavichinga:..il mio tatuaggio?? ne ho 5!!
Quello in foto e' una frase "Se qualcosa si separa da te..tu separati da essa" (Cfr.Buddha)
E' una frase a cui sono molto legato e che sto pensando sempre piu' di fare un bel post.. ;-)
E se riesci rallenta!!!

Lucia*:...mi raccomando!!!

Sunaddicted:..mi fa' piacere la tua presenza!!!

vendostelle ha detto...

Sunaddicted: ..il tuo url per favore??

cadia ha detto...

credo che sarebbe contenta la luna...a volte
di nn vedere

sorrido

non volevo le scuse
volevo che tu capissi quelle parole...
xche' per colpa del mio nn saper scrivere
spesso
e' difficile capire quello che vorrei dire


..e poi io
nn so volare

notte

Vendostelle ha detto...

Cadia; ..come dicevi te...ad occhi chiusi lo si puo' fare!!!

Anonimo ha detto...

..e' che devi avere ..ali forti


e lo so che nn e' giusto
ma ho una mente cieca
e occhi chiusi....


notte.....
cadia

Anonimo ha detto...

Se qualcosa si separa da te..tu separati da essa



....sicuramente una bella frase

ma ...suonano...solo parole

cadia

duhangst ha detto...

Se vivi a Kandahar, ma la cosa triste è... Che non solo a Kandahar o in Afghanistan.. Ci sono ancora troppi posti dove le donne non possono vivere..
La tua intrusione è sempre ben accetta! ;-)

Lauretta ha detto...

beh ormai anche se sei un uomo e non sai... chessò, guidare, rifarti la stanza e cucinare e guadagni meno di 1000 euro al mese... sei una palla al piede... :)
Non sono poi così d'accordo sulla seconda parte... qui "in occidente" una donna PUO'andare in giro la notte, PUO' andare a letto con chiunque, PUO' vestirsi come vuole... ecc ecc... poi va in contro a discriminazioni in ambito SOCIALE, ma non incorre in nessuna punizione in ambito CIVILE o PENALE... è questa la differenza... e poi le limitazioni sociali ci sono anche per gli uomini... pensate al fatto che ad un matrimonio (o ad una qualunque altra occasione formale) in estate una donna può presentarsi con uno svolazzante vestitino in chiffon di seta, mentre un uomo DEVE sudare in un completo giacca e pantaloni rigorosamente con braccia e gambe coperte... ;)
Per le donne del medio oriente il problema è totalizzante e gravissimo... e non è una questione si cultura islamica (che non prevede questo!) ma di maschilismo istituzionale... e dovrebbe essere l'onu a farsi valere... ma non succederà mai perchè conviene avere un capro espiatorio su cui scaricare le coscienze e le riserve belliche internazionali...
A presto
Laura*

PS: la mia stella è fortunata... fortunata ad avere una personcina da far sentire fortunata... me! ^^

northernstar ha detto...

noi abbiamo già tante più fortune e libertà di quante ne abbiano loro. anzi, spesso di libertà ne abbiamo troppa. noi donne occidentali sognamo conquiste, diritti, libertà.. loro non hanno nulla. sappiamo paragonarci ai nostri uomini, trovare ingiusto che loro possano dove noi non possiamo, pretendiamo di ribaltare il mito del "sesso debole", non facciamo altro che lamentarci. ma se sapessimo guardarci anche indietro, se sapessimo guardare più in là dei nostri nasi, ci accorgeremmo di quanto sia migliore la nostra vita rispetto a quella delle nostre sorelle musulmane. un giorno ci accorgeremo che in confronto ai loro problemi, molti nei nostri non sono altro che banali capricci (?)

northernstar ha detto...

ah, era *sogniamo e *dei..
dannata tastiera.

Vale ha detto...

Andare a letto con chi ti pare...non che io sia per la promuiscuità, ma qualcuno mi ha fatto pesare aver avuto una storia in più. Ragionamento da Medioevo. E pensare lui si era fatto tutte le ragazzine lolita dei paraggi. W la coerenza!
Ps
Scusa se ti risp solo ora :)

perlinavichinga ha detto...

molto bella la frase, anche se difficile da attuare...
sì, è stato decisamente un bel week end. poi c'era un'aria primaverile incredibile!

Vendostelle ha detto...

Perlinavichinga:e' proprio vero che e' difficile da attuare...Me la sono scritta per quello...per tenermela sempre in mente pero'!!!!

Vale:..si vede sempre e solo gli sbagli degli altri... ;-)

Northernstar:..credo che la donna italiana sia privilegiata!!!! ;-)

Cadia:..sei un po' tosta eh??? ;-)

Giulia ha detto...

..forte il contrasto tra donna afghana e italiana...anche se il concetto di base è identico..: qualcunO ha già deciso per te..

aspetto curiosa la seconda parte..:)

tremetri ha detto...

visto che giovedì è la festa della donna e questo post tratta proprio di DONNE volevo augurare a tutte BUONA FESTA DELLA DONNA!!E perchè no ricordare per chi non lo sapesse come è nato questo giorno..A New York un gruppo di operaie scioperarono per ribellarsi delle loro condizioni sfavorevoli e il proprietario bloccò le porte della fabbrica applicando fuoco.Morirono 129 donne..da qui in memoria di questo fatto è nato questo giorno..

tremetri ha detto...

bene volevo essere la 50esima persona a commentare.....
sono contenta di esserlo stai andando alla grande eh...

Anonimo ha detto...

mi hai detto che sono....tosta!!!



sorrido
si lo sono....spesso

sempre.....

dreamdust ha detto...

sapevo già della situazione allucinante delle donne nei regimi ad alto tasso di fanatismo taleban-islamico... ma rileggerne i dettagli ti lascia sempre un senso di profonda inquietudine... le donne in burca le trovo spaventosi simboli viventi di uno spaventoso mondo oscuro... bè, forse la realtà italiana ke hai messo a raffronto si vede + facilmente in certi strati sociali italiani, +ttosto ke in tutti... xò in linea di principio concordo... in fondo anke la nostra cultura proviene da qualcosa ke secoli fa, nn troppi secoli fa, era molto vicina a quella talebana...
;D

ABS ha detto...

Sinceramente, sarò razzista ma i talebani fatico a considerarli esseri umani...

rodocrosite ha detto...

Che dire? Il tuo post mette in evidenza situazioni inconcepibili.
Quello che davvero spero è che non sia ancora per lungo tempo, il mondo si evolve, magari con delle vistose soste, ma i talebani passerano.
Mi piace pensare che ce la faremo a capirci tutti, uomini e donne. Insomma, siamo complementari, no?